lunedì 17 settembre 2012

GIOCO DEL FAZZOLETTO

Ricordo chiuso in un cassetto profumato di sudore. Tanto divertimento allo stato puro quando da piccola giocavo con i miei compagnetti al gioco del fazzoletto. A volte rivedendo questi giochi di gruppo mi sento mortificata nei confronti dei miei figli. Sarebbe bello organizzare insieme a degli amici una giornata dedicata ai giochi che si facevano una volta. Sono certa che sarebbe divertimento assicurato per tutti.



Ecco quali sono le regole del gioco del fazzoletto:


I ragazzini che giocavano al fazzoletto, formavano due squadre e si disponevano uno di fronte all'altro a distanza. Una squadra poteva essere formata da cinque, sei o sette ragazzini ed ognuno aveva un numero. Al centro delle due squadra stava un altro ragazzino che fungeva da arbitro.
Quest'ultimo chiamava un numero e i ragazzini appartenenti alle due squadre che avevano questo numero, correndo dovevano andare a prendere il fazzoletto per portarselo nella propria postazione.
Chi dunque prendeva il fazzoletto doveva correre con lo stesso al suo posto, e l'altra ragazzino se riusciva a toccarlo prima che l'avversario tornasse al posto vinceva, viceversa vinceva chi aveva preso il fazzoletto.
In questo gioco i ragazzini amavano a fare "'a finta" cioè facevano capire, fintando, all'avversario di prendere il fazzoletto, ma in realtà non lo toccavano, l'avversario convinto del contrario correva per prenderlo attraversando una linea che non si poteva attraversare se il fazzoletto era ancora in mano all'arbitro.
Ad ogni chiamata veniva assegnato un punto; vinceva la squadra che ne faceva di più. Un gioco semplice e facile di tanti e tanti anni fa.


Vedi anche:

Adoro l'autunno

L'a utunno , adorato autunno... Una stagione dai colori forti del giallo, arancione, marrone... tonalità che passano dal fuoco del...